Frutta secca

Ad essere precisi si tratta di semi oleosi, quali mandorle, noci, pistacchi, nocciole, pinoli e anacardi che contengono elevate quantità di acidi grassi mono e polinsaturi, vitamine, sali minerali e fibre.

 

Proteggono le nostre cellule dal rischio ossidativo, ci aiutano nella prevenzione del diabete, dell’ipertensione, dell’ipercolesterolemia e di alcuni tumori del tratto gastroenterico. In cucina si possono aggiungere con parsimonia a piatti caldi (es. pasta con pesce spada e melanzane con una spolverata di mandorle tostate e tritate), piatti freddi (es. insalata di pollo con radicchio, arance e noci), o nella preparazione di dessert e spuntini sfiziosi (es. crema di mandorle).

 

Hanno un elevato contenuto calorico quindi bisogna fare attenzione alle quantità. Dose quotidiana consigliata: circa 30 g.