Il sale iodato

Utilizzare meno sale significa più salute.

È da utilizzare con attenzione e parsimonia perchè abbassa la pressione arteriosa riducendo la volemia, ovvero richiamando meno acqua nei vasi.
L’uso moderato migliora la funzionalità del cuore, dei reni e dei vasi stessi. Il sale da privilegiare è quello iodiato perché aiuta a prevenire alcune malattie della tiroide. Anche se ha effetti meno negativi sul nostro organismo, si consiglia di assumerne massimo 3–5 grammi al giorno, una dose pari ad 1 cucchiaino.

ESISTONO ALIMENTI CHE SONO MOLTO RICCHI DI SALE: salumi, formaggi, pizza, pane e grissini, salsa di soia, capperi, dado per brodo e ketchup.
ALTRI CHE, INVECE, NE CONTENGONO MENO E PERTANTO DA PRIVILEGIARE: pesce fresco o surgelato, frutta e verdura fresca, latte, olio e uova.

 

IL CONSIGLIO DI EAT
Mettere meno sale nell’acqua quando si cucina. Condire la carne, il pesce e le verdure con spezie, erbe aromatiche, limone o aceto. Questo darà più sapore al tuo piatto.
Una semplice e gustosa ricetta: il
gomasio
Quando fai la spesa acquista sale iodato.